Categories

fotografa . emoziona . ispira

Fotografapalermitana sul web.

Non fotografo ciò che vedo, ma ciò che provo

A volte mi chiedono cosa io provi quando fotografo e ogni volta penso nella mia testa sempre la stessa cosa, alla “felicità”. Ogni volta che non posso fotografare immagino me che fotografo e provo una felicità così grande che non riesco nemmeno ad esprimerla con le parole, probabilmente perché non basterebbero. Fotografo da quando avevo 9 anni ed è esattamente da quel momento che provo, ogni volta, una sfumatura di felicità diversa; come un pittore di fronte alla sua tela pronto a rovesciare tutti i colori che vuole, pronto a creare la sua opera d’arte e a mostrarla fiera agli altri. Io mi sento così. Mi sento come una bambina felice di fronte ad un qualcosa che non conosce ma che vuole sperimentare, mi sento come una esploratrice nei confronti della vita e delle emozioni. Rincorro emozioni sempre diverse e le colleziono cercando di intrappolarle così da riviverle quando viene meno la mia profonda voglia di vita. Per me fotografare è tanto altro, è prendermi per mano e correre verso lo stupore e la meraviglia, perdermi dietro un’anima passeggera o un tramonto e immergermi fino a scordare che esiste una realtà. Per me fotografare è emozionarmi al punto da piangere per un gesto quotidiano che riesco a cogliere; è avventura, brivido, adrenalina. Per me fotografare è vivere. Per un momento sospendo il mio “sopravvivere” e nuoto verso l’ignoto che a volte fa paura, ma ci fa capire che siamo umani, sensibili e consapevoli che resteremo per poco in questo posto chiamato mondo… ma allora perché non vivere al massimo? Perché non catturarle tutte queste sfumature di felicità?

Add comment

Kopy Theme . Proudly powered by WordPress . Created by IshYoBoy.com